SINFONIEKONZERT "Giorno della Memoria" - Teatro Regio di Torino

Schönberg: Verklärte Nacht / Ein Überlebender aus Warschau

Mendelssohn: Sinfonie Nr. 4 “Italienische”

Roland Böer, musicista Tedesco dalla solida formazione e ora direttore artistico e musicale del Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, si è mostrato particolarmente abile nel cipanare la densa scrittura musicale di Schönberg.

Il direttore ha alleggerito di ogni enfasi l’articolazioni degli archi dell’Orchestra del Regio cercando dinamiche particolarmente animate. La pagina ha così ritrovatola propria dimensione cameristica offrendo una toccante introspezione della narrazione.

La direzione asciutta di Böer, la recitazione olenne e riflessiva di Gabriele Lavia e le corpose voci maschili (…) hanno vivamente impressionato la platea.

L’aerea leggerezza di Roland Böer, splendidamente condivisa dall’Orchestra del Regio, ha dato freschezza e un coinvolgente brio all’esecuzione.

Tutto il pubblico ha potuto gustare la vitalità ritmica, sopratutto nel noto “Saltarello-quasi Tarantella” conclusivo. Notevole il virtuosismo di tutte le sezioni dell’orchestra.

Consensi unanimi da parte degli ascoltatori. 

OperaClick, 1 gennaio 2017

_____________________________________________________________________________________________________________________

(…) è stata dedicata una sostanziosa introduzione esplicativa a cura di Elisabetta Lipeti cui ha adreito il direttore Roland Böer, il quale con la disponibilità dell’orchestra ha spiegato e fatto ascoltare passaggi e timbri particolari di una pagina di Schönberg.

Poi naturalmente la qualità del concerto: il direttore ha sciolto, con una concertazione attenta agli assi portanti e alle sfumature.

(…) Di presa infallibile il breve ma titanico intervento del coro Ascolta Israele alla fine di un crescendo che Böer ha fatto sentire in tutta la sua terribilità. Conclusione con L’italiana di Mendelssohn, trasparente e leggera come un mattino di sole.

(…) Un bel successo per una importante serata.

Giorgio Pestelli, La Stampa, 27 gennaio 2017

… zurück zur Übersicht